Cipresso calvo

Ordine: Pinales

Famiglia: Cupressaceae

Genere: Taxodium

Specie: T. distichum

MORFOLOGIA

Portamento e dimensioni: albero deciduo che può raggiungere i 40 m di altezza, con chioma conica ed espansa.

Corteccia: di colore rosso-bruno.

Foglie: aghiformi, di colore verde chiaro nella parte superiore e solcate da due strisce grigie in quella inferiore. Cadono in autunno, caratteristica rara tra le conifere e sono disposte su due file opposte.

Fiori: essendo una conifera non produce fiori veri e propri, ma microsporofilli maschili e macrosporofilli femminili raggruppati in strobili. I microsporofilli riuniti ad amento; i macrosporofilli sviluppati a formare coni verdi, detti anche strobili, che maturando diventano marroni.

Frutti e semi: strobili sferici con squame lignificate. In autunno le squame si aprono liberando ciascuna 2 piccoli semi alati a forma di triangolo.

 

DISTRIBUZIONE E HABITAT

Pianta originaria degli Stati Uniti sud-orientali. È una conifera d’acqua, tipica di luoghi paludosi ed umidi, frequentemente allagati, richiedendo clima umido ma non troppo freddo.

 

UTILIZZO

Usata a scopo ornamentale presso stagni o lungo i corsi d’acqua.

 

CURIOSITÀ

Possiede caratteristici tubercoli radicali affioranti dal suolo, chiamati pneumatofori, che svolgono funzione di ossigenazione, atti a garantire cioè l’apporto di ossigeno alle parti sommerse anche in periodi di allagamento del terreno.

What's your reaction?
0Cool0Upset0Love0Lol

AmbienteAcqua Onlus ©. Tutti i diritti sono riservati.

to top